L’Importanza di Chiamarsi Francesco

San Francesco d’Assisi ci ha insegnato ad amare il prossimo, come si dice oggi, “senza se e senza ma”. Ci ha fatto comprendere la necessità di preservare la natura da ogni rovina. La terra, l’acqua, le piante e gli animali. Insegnandoci il rispetto per ogni essere vivente. I deboli, gli indifesi e gli ultimi del mondo. Senza distinzione di razza e nazionalità. Grazie a lui abbiamo imparato a non temere la perdita dell’effimero benessere e neanche la morte. A cercare la pace. Ci ha fornito una scala di valori in cui la fratellanza e la solidarietà precedono ogni cosa. Un modo di vivere concreto, portato avanti da una persona che ha avuto il coraggio di far la rivoluzione dentro sé stessa prima di portarla in giro per il mondo. Nei tempi grami che viviamo, il suo testimone è stato raccolto da un uomo venuto da terre lontane.

Mi riferisco, chiaramente, a Papa Francesco che, da più di qualche anno, guida la Chiesa Cattolica ma che, ispirando la sua azione agli ideali del “Poverello d’Assisi”, ha preso il cuore anche di chi, come me, non è mai stato particolarmente vicino alla religione. Egli lotta ogni giorno per affermare quei principi che indussero San Francesco ad abbandonare la ricchezza e i benefici del potere che gli derivavano dall’esser rampollo di una famiglia agiata. Allo stesso modo e con la stessa forza, Papa Francesco lotta contro il malaffare che sembra voler divorare, con quello sporco strumento che è il denaro, anche la Chiesa. Quando penso a lui mi torna alla mente quel che diceva il profeta Isaia e che Matteo riporta, parlando di San Giovanni Battista nel Vangelo:

                    “Voce di uno che grida nel deserto:

                       Preparate le vie del Signore,

                       raddrizzate i suoi sentieri!”

Tante volte Papa Francesco ha chiesto di pregare per lui affinché abbia la forza di proseguire nel suo difficile cammino.  Sinceramente, se veramente esiste un Dio, prego anch’io che accompagni e assista la sua opera. Perché Francesco è forse l’unica speranza rimasta a questa umanità che sembra proprio aver perso la strada.

Nella prima foto: San Francesco dona il mantello a un povero – Giotto di Bondone. Nella seconda: Papa Francesco durante la sua visita pastorale a Cagliari (foto Voltaire)

7 risposte a "L’Importanza di Chiamarsi Francesco"

Add yours

  1. Non so cosa dire, perché per me un vero lavoro da Papa lo stava facendo Ratzinger, ovviamente considerato “duro” da tutti ma in realtà molto più “pulitore” di quel che sembrava… tanto che improvvisamente gli han fatto venie una crisi religiosa tanto che ha abbandonato il suo ruolo…
    Francesco è sulla scia del polacco G P II, piacione e accomodante. Vero è che sta aprendo di più la Chiesa, vedremo dove si arriverà.

    Moz-

    "Mi piace"

  2. Molto diverso da Giovanni Paolo II che nominò Paul Marcinkus (personaggio alquanto inquietante) capo dell’esecutivo vaticano. Più simile direi a Giovanni Paolo I che, proprio come Francesco, intendeva battersi per una maggior pulizia nelle finanze pontificie e anche per una pulizia morale che non mi sembra sia stata perseguita né da Woiytila né da Ratzinger. Il primo molto impegnato a risolvere la questione polacca e a far cadere il sistema comunista col determinante appoggio dell’amministrazione Reagan. Il secondo un cattedratico, assolutamente non adatto al ruolo. Completamente fuori dai nostri tempi. Privo di qualsiasi empatia con la gente. Giovanni Paolo II è stato fatto santo. Francesco non lo so. Spero solo non diventi martire… Come, forse, è successo a Papa Albino Luciani che si muoveva sulla stessa linea di Bergoglio e… Anche per questo comprendo e accolgo la sua accorata richiesta di preghiera.

    "Mi piace"

  3. Ci sono molti aspetti di questo Pontefice che apprezzo, certo che il compito che ha è arduo perchè molta parte del clero è marcia e corrotta e non è semplice fare un’azione di pulizia. Resta un Papa che sa arrivare al cuore della gente ed in questo, a suo modo, mi ricorda molto Papa Luciani.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: